Notizie

“Mia mamma è bellissima”: parrucche (e sostegno) alle donne in chemioterapia

La caduta dei capelli è un trauma psicologico che lascia conseguenze emotive. Il progetto Margherita offre parrucche gratis alle pazienti del reparto di oncologia con la consulenza di parrucchieri volontari e assistenza psicologica. A ottobre campagna crowdfunding

C’è un trauma psicologico che tutti i pazienti in chemioterapia debbono affrontare, e che spesso lascia strascichi che vanno ben aldila’ della mera questione estetica: la caduta dei capelli. Un momento difficile da superare, specie per una donna, che può avere ripercussioni persino sulla risposta alla terapia. Per affrontarlo, da domani lunedì 18 settembre anche la sede dell’Istituto oncologico romagnolo di Cesena aderirà al progetto Margherita, offrendo parrucche gratuite a tutte le pazienti del reparto di oncologia. Grazie a questo progetto è possibile scegliere una parrucca con la consulenza di parrucchieri volontari, che mettono a disposizione la propria professionalità e il proprio tempo,  e di un volontario dell’istituto, che sostiene la paziente offrendo ascolto e accoglienza.

Per istituire il servizio, che era già stato introdotto negli ospedali di Ravenna, Rimini e Forlì, l’Istituto oncologico romagnolo ha fatto un appello a tutti i parrucchieri della provincia, perché dedicassero anche poche ore del loro tempo libero al Progetto Margherita. La risposta è stata entusiastica, in dieci si sono resi disponibili, e insieme alla psiconcologa Ior Laura Cavana e a volontari appositamente formati, forniranno tutto il loro supporto e la loro professionalità a titolo completamente gratuito.Grazie a loro, per le pazienti di Cesena il servizio sarà disponibile fino a fine 2017, nelle giornate del 2 e 16 ottobre, del 6 e 29 novembre e dell’11 dicembre. Per usufruirne è necessario fissare un appuntamento, telefonando allo 0547-24616.

A sostegno della diffusione del Progetto Margherita anche nelle altre sedi Ior romagnole, e per incrementare l’offerta da parte degli ospedali di Ravenna, Forlì, Rimini e Cesena,ai primi d’ottobre partirà anche una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Ginger, dal titolo “La mia mamma è bellissima“. (RS/DIRE)

Fonte: www.redattoresociale.it

Previous post

Kanya Sesser, modella senza gambe, punta alle Paralimpiadi di Corea

Next post

Modelle non più alte di 1 metro e 30