Notizie

Il «Nobel alternativo» all’avvocatessa cieca dei disabili etiopi

Assegnato a Yetnebersh Nigussie Molla: la giovane legale, da tempo si batte per difendere i diritti delle persone con disabilità

Il premio Rigth Livelihood, conosciuto come «premio Nobel alternativo», è stato assegnato a Yetnebersh Nigussie Molla, giovane avvocatessa dell’Etiopia, rimasta cieca dall’età di cinque anni. Un riconoscimento speciale «per il suo lavoro fonte di ispirazione, a favore dei diritti e dell’inclusione sociale delle persone con disabilità», recita la motivazione del comitato del premio.

Yetnebersh Nigussie Molla, 35 anni, sposata, due figlie, nata e cresciuta in una zona rurale dell’Etiopia ha studiato nella scuola cattolica Shashemane e si è poi lauretata all’Università di Addias Abeba, è da anni in prima linea nella difesa dei diritti tutelati dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti delle Persone con Disabilità (Crpd), non solo nel suo Paese.
Il riconoscimento Right Livelihood è abitualmente assegnato in Svezia a personalità coraggiose e organizzazioni che con le loro attività benefiche hanno trovato soluzioni concrete a cause profondi dei problemi dell’umanità.

Fonte: www.avvenire.it

Previous post

L'accessibilità è anche una questione di genere!

Next post

“Alice e il lavoro delle meraviglie”: la prima bancaria con sindrome di Down